Un sogno diventa realtà per Arba Sicula: una grammatica moderna del siciliano

Arba Sicula fu fondata nel 1979 con l’obiettivo di studiare, preservare e diffondere il siciliano e la sua cultura nel mondo. In questi anni uno dei nostri soci, Joseph Bellestri, ha creato un vocabolario siciliano-inglese e inglese-siciliano, un altro socio, J.K. Bonner ha pubblicato Introduction to Sicilian Grammar, coll’aiuto di Gaetano Cipolla, un altro socio, Frederick Privitera ha pubblicato un altro studio sul siciliano intitolato Sicilian: the Oldest Romance Language e Gaetano Cipolla ha pubblicato l’opuscolo The Sounds of Sicilian, accompagnato da un CD che è stato il primo studio interattivo sulle peculiarrità della pronuncia del siciliano.

Il libro Learn Sicilian/ Mparamu lu sicilianu che il professor Cipolla ha appena pubblicato per i tipi di Legas rappresenta certamente una tappa importante per lo studio del siciliano come lingua degna di essere studiata all’università.

Infatti il volume di 336 pagine, accompagnato da un DVD contenente oltre alla guida alla pronuncia, le risposte agli esercizi e l’audio delle letture, segue la scia dei libri di testo usati in America per insegnare le lingue straniere. Come tale, il volume del professore emerito Gaetano Cipolla si deve considerare come il primo del genere poiché tutte le altre grammatiche del siciliano (e sono poche a dir la verità) sono opere di consultazione e non libri di testo.

Questo libro è stato disegnato per insegnare agli studenti di lingua inglese non solo a comunicare con chi parla siciliano ma anche a fornir loro quelle nozioni sulla cultura siciliana che sono essenziali per la comunicazione.

Il volume è composto di 18 capitoli oltre a una lezione preliminare. Ogni capitolo presenta punti grammaticali integrati con esercizi miranti non solo a far capire le regole ma anche a incoraggiarli a usare la lingua la lingua in maniera creativa. Ogni capitolo contiene dialoghi, vignette, letture, spesso comiche, su vari argomenti che allargano l’orizzone linguistico e culturale dello student’e. Per l’aspetto linguistico e grammaticale gli argomenti sono equivalenti al primo anno di studio a livello universitario. Per l’aspetto culturale, il professor Cipolla ha scritto pagine interessanti sui miti localizzati in Sicilia (Persefone, Demetra, Polifemu, Ulisse, Aretusa, Aci e Galatea, Dedalo ecc.); sui poeti e scrittori che hanno usato il siciliano nella loro opera quali Antonio Veneziano, Petru Fudduni, Giovanni Meli, Alessio di Giovanni, Nino Martoglio, Luigi Pirandello e Ignazio Buttitta; su aspetti tipici della Sicilia come i teatri all’aperto, i mercati all’aperto, I nomignoli siciliani, la cucina Sicilian, ecc.; e sulle nove città capoluoghi di provincia.

Per dimostrare che il siciliano è una lingua capace di esprimere tutti i sentimenti il prof. ha tradotto anche dei testi stranieri come una canzone di Charles Aznavour o una poesia di Cecco Angiolieri che volentieri trascriviamo nella versione siciliana:

S’i’ fussi focu, abbruciassi lu munnu;

s’i’ fussi ventu, po’ lu timpistassi;

s’i’ fussi acqua, certu l’annigassi;
s’i’ fussi Diu, lu mannassi ô funnu;

s’i’ fussi Papa, fussi po’ jucunnu,

câ tutti li cristiani li ’mbrugghiassi.

S’i’ fussi ’Mpiratur, sa’ chi facissi?

A tutti ci tagghiassi a testa a tunnu.

S’i’ fussi morti, jissi nni me patri,

s’i’ fussi vita, d’iddu m’arrassassi;

lu stissu po’ facissi cu me matri;

s’i’ fussi Ceccu, comu sugnu e fui,

li fimmini chiù beddi mi pigghiassi;

li vecchi e làrii î lassassi a l’àutri.

Questa poesia che illustra l’uso del congiuntivo in frasi ipotetiche in siciliano, sembra essere nata dalla bocca di un siculo e non di un tosco.

Le letture sono gradualmente più impegnative dal punto di vista linguistico come dimostra l’introduzione di una rubrica intitolata “Sicilian Humor” che contiene vignette umoristiche disegnata a confermare ciò che disse Cicerone dei Siciliani duemila anni fa, e cioè che essi posseggono uno spiccato senso dell’umorismo. Sparsi un po’ dappertutto l’autore ha anche incluso proverbi siciliani, indovinelli e persino degli scioglilingua o meglio mbrogghialingua.

Questo libro, ora che il Parlamento siciliano ha approvato una legge che prevede l’nsegnamento del siciliano nelle scuole pubbliche, sarebbe un libro ideale se fosse adattato per gli studenti siciliani.
Non credo che l’operazione rappresenti difficoltà per il professor Cipolla. Dovrebbe semplicemente adattare le didascalie e le spiegazioni grammaticali traducendole in italiano o forse in siciliano.

Non posso completare questa recensione senza menzionare l’eleganza della presentazione del libro stampato su carta patinata e con fotografie e illustrazioni a quattro colori dove prevalgono il rosso e il giallo della bandiera siciliana. Questo rivela certamente il desiderio della casa editrice di creare una veste vivace e attraente a conferma e a sostegno dell’importanza del testo. Il volume cartaceo costa solo $32.00, un prezzo volutamente basso forse per incoraggiarne la diffusione più $22.00 per la spedizione in Europa. Si puo’ ordinare anche la versione elettronica per $28.00, più $8.00 (su DVD) scrivendo a Legas PO Box 149, Mineola, NY 11501, o a gcipolla@optonline.net


Arba Sicula è na sucietà internazziunali senza scopu di lucru ca havi comu obbiettivu a promozioni dâ lingua e dâ cultura siciliana. Fa chissu ntê modi siguenti:

Pubblicannu Arba Sicula : Na rivista bilingui sicilianu/nglisi ca illustra a littiratura, l’arti, a storia, a cucina e u folklori dâ Sicilia. Chist’annu celebramu u vintitriesimu annivirsariu dâ funnazioni di Arba Sicula. A rivista nesci du voti l’annu o na vota si pubblicamu un numiru doppiu.

Pubblicannu Sicilia Parra : Na rivista semiannuali di vinti paggini ca illustra li attività dâ nostra sucietà. È scritta principalmenti in nglisi cu una o du paggini didicati ô sicilianu.

Pubblicannu libbra supra a Sicilia e i Siciliani : I libbra sunu a megghiu arma c’avemu pi contrabbattiri ddi stupidi stiriotipi dâ genti siciliana promossi dî mass media. E’ nicissariu fari canusciri a tutti a vera natura dû populu sicilianu e dî so granni contribbuti a civiltà occidintali. Chiossai sapemu dâ nostra storia, megghiu putemu cummattiri l’ignoranza ca fa nasciri ddi stiriotipi.

Pubblicannu supplimenti a Arba Sicula :L’urtimu supplementu ca pubblicammu fu The Fig Cake Family di Bea Tusiani, na bedda storia supra comu manteniri vivi i tradizioni siciliani in America.

Organizzannu Cunfirenzi e Reciti di puisia siciliana

Scritto da admin_LS

admin_LS