Grillo è indipendentista siciliano? Ma allora…

Grillo non è nuovo a questa boutade. La fece già nel 2009, catalizzando l’entusiasmo di decine e decine di attivisti indipendentisti, allora senza una casa politica sicura e affidabile, e che da allora sono rimasti attaccati al Movimento 5 Stelle come le mosche impiccicate nel miele: non volano più ma sono felici, quasi ubriache di tanto profumo. Quante volte, di fronte ad alcune incongruenze dei grillini locali sulla Questione Siciliana ci siamo sentiti dire “ma non hai letto ciò che ha scritto Grillo sulla Sicilia?”. Inutile fare osservare che quello “scritto” poi non è nei programmi del movimento, è solo una sua idea personale.

Ma non vogliamo fare come quel simpatico leader indipendentista del ‘900, che tenne alta la bandiera del FNS per decenni, che però aveva il difetto di stizzirsi quando sentiva dire che c’erano “altri” indipendentisti. Il bollino era solo suo.

No, il bollino dell’indipendentismo non è solo nostro, dei “Siciliani Liberi”, ci mancherebbe, però alcune domande e considerazioni le facciamo e soprattutto le poniamo ai portavoce siciliani del 5 Stelle.

 

«’U pisci feti dâ testa, e la testa è a Roma». Siamo d’accordo. Facciamo umilmente notare, però, e andiamo così dritti al cuore del problema, che anche dentro il Movimento 5 Stelle la testa è a Roma (o forse a Genova). Se la testa non è in Sicilia come si può essere indipendentisti? Ci vuole tanto a capire che è una cosa che logicamente non sta in piedi? Se militi in un partito italiano, fosse anche il migliore del mondo, NON PUOI essere o dichiararti indipendentista. È come dire che vuoi una cosa e contemporaneamente il suo contrario.

Noi saremmo veramente lieti se un partito italiano, finalmente, dichiarasse che la causa della Questione Siciliana sta proprio nella sua condizione di Colonia. Sarebbe, culturalmente parlando, la vittoria di “Siciliani Liberi”, anzi della Sicilia. Ma, il giorno dopo, questo stesso partito dovrebbe CON COERENZA, organizzare una scissione della sua componente locale siciliana, la quale non dovrebbe più sottostare non solo a nessun capo o leader d’Oltrestretto, ma neanche ad alcuna regola che non sia fissata in Sicilia stessa e dai Siciliani. Altrimenti è solo il solito inganno. Avete creduto all’autonomismo “dentro” la DC? Ve la siete bevuta? Ora bevetevi pure persino l’indipendentismo “dentro” il 5 Stelle? Logicamente è CONTRADICTIO IN TERMINIS, ‘un stà a dritta! Solo un atto di fede cieco può fare stare insieme una cosa e il suo contrario.

Poi, la pagina Facebook del “5 Stelle Palermo”, condivide proprio e solo l’ultima frase del post di Grillo dedicato alla Sicilia, proprio quella sull’indipendenza. Allora, senza polemica, possiamo chiedere ai meet-up di Palermo se sono diventati indipendentisti fino in fondo? Davvero? Anche Forello? Che ne pensa Forello dell’indipendenza siciliana? Ci piacerebbe sentire il suo parere in merito. Chiediamo troppo? Se non si risponde resta la sensazione che si voglia pescare elettoralmente da due parti: unitari tra gli unitari e indipendentisti tra gli indipendentisti. Eh no! Ci vuole chiarezza nella vita. Altrimenti che fate, come Orlando, che fa un po’ il garibaldino e un po’ il neoborbonico per non scontentare nessuno? Fateci sapere.

E ancora: il 5 Stelle, nei suoi programmi, non ha MAI parlato di indipendenza della Sicilia. Tutt’al più di quella “bufala” degli “Stati Uniti d’Italia” (già il nome…), che – sotto la coltre del federalismo – rende la Sicilia una regione, più o meno autonoma, ma sostanzialmente uguale a tutte le altre. Ricordava il patriota Santo Trovato: «Parliamo di autonomismo, di confederalismo o di indipendentismo, ma non parliamo di federalismo, perché nel federalismo, al di là dei nomi, la Sicilia perde la propria specificità e diventa come tutte le altre regioni d’Italia, e quindi diventa Italia». Bella fregatura! Quelli siciliani poi, tutt’al più, sono per “l’attuazione dello Statuto”. Ma come, di grazia? Non sanno che per il Governo italiano e la Corte costituzionale questo sarebbe “già attuato”? L’hanno compreso anche loro e sono passati all’idea di “Stato di Sicilia”. Lavoriamo insieme per la Zona Economica Speciale come tappa intermedia verso l’indipendenza? Dai documenti ufficiali questo ancora non risulta.

A questo punto, quindi, noi vogliamo sapere, con chiarezza, se – anche a medio termine – i pentastellati siciliani sono o no per l’indipendenza della Sicilia. Non possono esserlo “in parte”. Se lo sono, ci devono dire come intendono raggiungere questo obiettivo e quand’è che staccano la spina con Grillo e la loro “rete”. Sarebbe un confronto interessante.

Perché, per fare l’indipendenza siciliana ci vuole una “macchina”, un “braccio armato”. E questo non può che essere un PARTITO, SICILIANO aggiungiamo. Non vi piace Siciliani Liberi? Fatene un altro, purché abbia la forma di Partito e sia solo ed esclusivamente Siciliano, non federato, confederato o che altro. Per ora ci siamo solo noi, guarda guarda. Ma non ci dispiacerebbe un po’ di compagnia. Con i partiti italiani, solo chiacchiere e brodo. Imitazioni, in una parola. A questo punto perché i Siciliani non dovrebbero scegliere l’originale e votare il partito indipendentista VERO?

Ma certamente ci diranno che non lo sono, che questa è una “opinione di Grillo”, strettamente personale, e nient’altro. Ma allora, di che stiamo parlando? Cos’è, promozione ad uso degli ingenui?

Come si vede non sono domande polemiche, ma solo di chiarezza, su un tema cruciale per il futuro della nostra Terra.

Alle quali, senza alcun astio, sarebbe bene che i 5 Stelle siciliani dessero una risposta chiara e ufficiale. Anche perché non siamo più un’associazione culturale o un “dopolavoro”, ma un soggetto politico che si sta confrontando proprio con voi alle elezioni comunali di Palermo.

Fonte: www.sicilianiliberi.org

Scritto da admin_LS

admin_LS