SPAESARSI

Bruxelles, 18/11/2004

Nel momento in cui la società contemporanea vive uno stato di profonda crisi perchè tanti valori che credevamo immutabili devono essere adattati alle nuove esigenze della realtà quotidiana; nel momento in cui anche le città si adeguano ai cambiamenti e mutano le architetture e la stessa morfologia dei luoghi; nel momento in cui i punti fermi del nostro vivere civile vacillano e la stessa famiglia – come la scuola ed anche la città – vengono rivisitate, noi Siciliani al di là del faro, che certamente viviamo più intensamente i cambiamenti, noi Siciliani, che pur abbiamo adattato il nostro stesso esistere al cambiamento, ci sentiamo spaesati e ancora preda del lieve malessere che ci consente, alla fine, di tirare avanti.


Così immaginiamo male quel braccio di mare – metafora della nostra stessa esistenza, fonte inesauribile di magie, luogo di mostri e pesciluna – attraversato da un manufatto di tubi e cemento ad interrompere le maree, stravolgere le falene e i risvolti della memoria.

Ma chi vive nel luogo in cui è nato forse non subisce drammaticamente, come succede a noi, lo sconvolgimento dei suoi luoghi della memoria e vede nuove possibilità di sviluppo e nuove progettualità, ad esempio, nella costruzione di un ponte per l’attraversamento dello Stretto.

Certamente poi, lasciati da parte per un attimo gli entusiasmi, non può non concordare con noi sull’inutilità di un’opera che non può essere un “solo”, ma necessiterebbe di essere piuttosto un “unicum” di infrastrutture, purtroppo inesistenti.

Come dimenticare, infatti, che la ferrovia da Napoli a Reggio Calabria viaggi ancora a scartamento ridotto e che una semplice frana, l’anno scorso, abbia potuto interrompere, per ben 14 giorni, i collegamenti Nord-Sud?

Come dimenticare che il sistema autostradale isolano, a distanza di 30 anni quasi, non abbia ancora ultimato il collegamento Messina-Palermo e che non esistano ancora autostrade interne per collegare Enna ad Agrigento, o Siracusa a Licata?

Che dire poi dei porti, abbandonati, noi che da Isola, di porti ed economie marinare dovremmo poter vivere?

E che dire del bisogno inappagato d’aeroporti, (insufficienti i soli esistenti di Palermo e Catania) soprattutto per assicurare i bisogni interni dei Siciliani e per dirottare sull’Isola milioni di viaggiatori e turisti?

E che dire della mancanza di una compagnia di bandiera, una compagnia aerea della Sicilia e per la Sicilia, da sempre ostacolata e avversata? Ma certo un ponte, ci dicono, collocherebbe l’Isola sugli standard del progresso, come un tram a Messina o la metropolitana a Catania situerebbe queste città sulla linea delle grandi metropoli continentali. Perchè adeguarci agli standard di città che non hanno le nostre caratteristiche, perchè omologarci alla città delle nebbie e del nord lontano, noi che viviamo di vento e di luce?

Spesso sembra di ritornare indietro nel tempo, confrontati con problemi sempre uguali, oggi come allora, problemi che derivano tutti dall’invenzione di quella colonia Sicilia, attuata dallo Stato centrale attraverso la rapina delle risorse finanziarie esistenti, l’alienazione delle manifatture diffuse, la distruzione delle colture pregiate, e, in tempi più vicini, l’emigrazione, effettiva diaspora delle popolazioni siciliane.

I grandi fautori di tali metodi, definiti pragmatismo, sono nomi celebrati nei testi di Storia patria: Garibaldi, Cavour, Depretis, Giolitti, Crispi, in realtà veri maestri di cinismo in un’epoca storica che oggi viene pur rimpianta come alba di democrazia e di libertà.

Restava invece notte fonda per il sud che, a distanza di oltre cento anni, vede ancora irrisolta la questione meridionale:

Il nord vocato, per grazia divina, allo sviluppo e al benessere, il sud destinato a rimanere colonia, grazie anche e soprattutto al consenso di cittadini parassiti e mafie intrallazziste che rappresentano ancora il vero nemico del meridione.

Così è la classe politica siciliana la principale responsabile dell’arretratezza dell’Isola.

La classe politica siciliana ha consentito (ed ancora lo consente), che gli interessi siciliani venissero sacrificati a quelli delle regioni forti, che la nostra agricoltura cedesse di fronte a quella della zona padana, che il turismo venisse supportato piuttosto in Liguria o in Romagna lasciando colpevolmente insufficiente il sistema dei trasporti isolano e alimentando i problemi siciliani dell’acqua e della sua distribuzione attraverso acquedotti fatiscenti. La classe politica siciliana ha volutamente ignorato l’esistenza di milioni di Siciliani che vivono ed operano nel nord lontano e che sempre hanno dato all’Isola senza nulla mai chiedere.

Prima dell’unificazione la Sicilia contava effettivamente su tutti i mercati internazionali. Non solo l’agricoltura competeva direttamente ma anche le manifatture tecniche e meccaniche, i cantieri e le ferrovie.

Con l’unificazione si è interrotto il processo di sviluppo della società isolana. Senza una forte tradizione municipale l’Isola si è trovata impreparata: senza un centro e con un centro lontano. Senza più guida l’economia siciliana si è come bloccata, è rimasta alla terra, paralizzata per decenni al lavoro dei campi. Con il conseguente abbandono della terra, alle classi più sfavorite rimaneva una sola drammatica alternativa: la partenza, l’emigrazione, mentre le classi più evolute migravano verso la burocrazia dello Stato centrale.

In un’epoca di mondializzazione imperante, lo sviluppo oggi si muove per territori. È il territorio che ingloba ed esprime le conoscenze per il suo stesso sviluppo, è solo il territorio con il suo popolo e il suo capitale che può promuovere perciò benessere. Da tutto ciò discende come corollario la necessità di banche ed istituti di credito locali, insiti nella realtà del territorio, capaci di dirottare il credito verso il territorio, capaci di individuare le esigenze del territorio perchè lo conoscono nei minimi dettagli e ne possono interpretare i bisogni.

Ma in Sicilia ciò non è possibile, proprio perchè non esiste più una Banca siciliana, un Istituto di credito capace di finanziare progetti specifici, progetti speculari al territorio, progetti isolani. Tutto è fatto nella sede centrale, lontano dal. territorio e nella completa ignoranza delle reali esigenze dello stesso

Questione siciliana quindi, composta certo in mille sfaccettature, e che può risolversi soltanto con l’autodeterminazione e l’autogoverno del Popolo Siciliano, che finalmente deve riappropriarsi della propria storia e del proprio destino, anche con l’elezione nell’assemblea regionale di siciliani eletti all’estero proprio dai siciliani residenti all’estero.

Questione siciliana da affrontare e risolvere con urgenza oggi che il sistema Italia sta arrivando alla deflagrazione delle contraddizioni accumulate per decenni e che un partito del 3% riesce persino a dettare regole valide per tutti, mentre “la terra impareggiabile” è costretta a sopportare ulteriori discriminazioni.

Senza ribellarsi e senza dignità.

Eugenio Preta

“L’ALTRA SICILIA” –

Al servizio della Sicilia e dei Siciliani (”

Scritto da admin_LS

admin_LS