La Brexit di Teresa May, l’ultima chance del sistema per sopravvivere

Dopo il terremoto “Brexit” del giugno 2016, quando il 52% dei britannici scelse liberamente con un referendum di lasciare l’Unione europea, la signora May si impegnò nelle operazioni più opportune per concludere, sempre a favore della Gran Bretagna, le procedure previste per abbandonare l’Unione. Le

La festa del “futbol”

Il mondiale di calcio, la scenografia mediatica che accompagna l’avvenimento è stata sempre una grande festa delle Nazioni. Abbiamo sempre tutti un bel dire su questioni di dottrina, confini, valori o politica, ma quando due squadre entrano in un terreno di gioco, quando suona un

La malattia “populista” e le prossime elezioni europee

Sulla stampa mondiale il populismo è descritto come una grave malattia legata al nazionalismo e a quelle frontiere che l’Europa dei padri fondatori aveva sognato di abbattere. Dopo una dura campagna elettorale appena conclusa, se gli italiani sembrano ancora lontani dalla percezione delle prossime elezioni

L’inganno dell’approvvigionamento eolico

Se un giorno il petrolio dovesse effettivamente esaurirsi, non saremmo in grado di prevedere a quali energie potremmo ricorrere per sostituirlo, per cui l’unica soluzione ancora possibile resterebbe la soluzione nucleare. Un argomento forte sul quale fanno leva i fautori dell’eolico e più in generale

Anniversario nascita di Pirandello

Ricorre oggi il 151° anniversario della nascita di un siciliano vero, Luigi Pirandello. Le istituzioni e la cultura ufficiale tacciono, ritornando indietro nel tempo, non ci resta che Google… Nel silenzio di ogni dovuta commemorazione, tempo fa Google aveva presentato, nella schermata d’apertura del net

Europa: senilità e acne giovanile

Ci fu un tempo in cui l’Europa era piccola e saggia ed avanzava a piccoli passi sotto l’occhio benevolo di numi tutelari come Robert Schuman, Jean Monnet, Konrad Adenauer, Henri Spaak, Alcide De Gasperi ed era composta in vero di soli sei paesi di piccola

Pedro Sanchez, il nuovo scudiero del politicamente corretto

Salito agli onori dell’attualità  grazie alla vicenda della motonave Aquarius, il nuovo Primo ministro spagnolo , il socialista Pedro Sanchez, forse per dare un segnale forte all’Unione europea di cui è un ardente difensore o forse per fare dimenticare le vere ragioni del suo accesso

Il business della sofferenza

Esistono tanti tipi di attività commerciali, ma la gestione delle disgrazie altrui, rimane senz’altro la più redditizia, come quella, ad esempio, che interessa gli immigrati clandestini. Per la malavita organizzata è una vera manna: il traffico di esseri umani è molto più redditizio dello spaccio

Demografia e inquinamento del Mediterraneo

L’inquinamento del Mediterraneo torna periodicamente a prendersi la scena e l’informazione mediatica è sempre più impegnata a biasimare il ricco consumatore, soprattutto europeo, incosciente e incapace di mettere fine ai disastri che lui stesso determina. Nella colpevolizzazione dell’opulenza occidentale, una grande influenza la esercita il

L’identità dimenticata nei mutamenti della società contemporanea

La società contemporanea sta vivendo un momento di grave smarrimento. Capita periodicamente di dover ridisegnare modelli e valori di riferimento per adeguare l’essere umano alla nuove esigenze del vivere civile, della morale corrente, degli scambi relazionali. Cambiamenti immediati e improvvisi che non lasciano il tempo

Medio Oriente e la fobia europea della Russia

Mentre la maggior parte dei media si impegna a giustificare l’immigrazione e ad esonerare l’islam da ogni responsabilità degli attentati terroristici, non passa giorno senza che l’accadere di un avvenimento fornisca il pretesto di demonizzare la Russia. Proprio la convergenza di queste due assi dell’informazione

Legittimità popolare contro ortodossia burocratica

Finito il tempo del tutto Federale, ovvero della grande pentolaccia dove gli Stati Nazione erano stati costretti a consegnare parti importanti delle loro sovranità specifiche – prima fra tutte quella di fabbricarsi la propria moneta – oggi la costruzione europea rimane ripiegata su se stessa;

Il 50° anniversario del maggio 1968

Ogni epoca ha sempre avuto velleità pseudo-rivoluzionarie che hanno poi affascinato le generazioni future. Spezzata l’era dei Lumi, il romanticismo cercò di recuperare l’anima, poi via via, tornando indietro nel tempo, decadentismo, ermetismo, futurismo, sono stati un gioco di matrioske o di vasi comunicanti che

Online il numero 3-2018 del bimestrale L’Isola

E’ online il numero di Maggio – Giugno 2018 del bimestrale L’ISOLA. In questo numero: L’EDITORIALE In nome dei diritti dell’uomo e al servizio della democrazia mondiale: Siria, tanto tuonò che piovve – pag. 2 15 Maggio 2018 – 72° Anniversario dello Statuto Siciliano –

La chiave del successo di Putin e dei leaders dell’ Europa orientale

Le trionfali rielezioni di Putin e dei leader dei Paesi dell’est-Europa hanno fulminato l’occidente. Non sono certo mancati commentatori che abbiano evocato brogli elettorali o gridato al trionfo delle dittature, eppure i risultati dimostrano esattamente la popolarità autentica degli eletti. I risultati hanno scatenato le

Cresce l’ingerenza dell’UE negli affari interni degli stati membri

Le istituzioni europee non finiscono mai di stupirci. Hanno sostituito al principio del libero arbitrio – che dovrebbe essere consentito ad ogni Stato nazione – quello dell’obbligatoria accettazione di una propria dottrina decisa, senza tener conto del volere dei popoli, nelle stanze della burocrazia di