Forze turco-azere invadono l’Alto-Karabakh

Da oltre un anno si combatte in Alto-karabakh dove truppe dell’Azerbaigian, sostenute dalla Turchia, hanno riconquistato col sangue un territorio che l’Armenia aveva dichiarato unilateralmente indipendente nel 1991. In soli tredici giorni di combattimenti le forze turco-azere hanno riconquistato un terzo del territorio con l’impiego

Battaglia di Lepanto: una vittoria ingombrante

È passata in un silenzio assordante la ricorrenza del 450mo anniversario della Battaglia di Lepanto. Il 7 ottobre di 450 anni fa l’Europa combatteva nelle acque greche una delle più cruente e significative battaglie navali della sua Storia. Le conseguenze di quello scontro furono immediate

Europa: perché sempre a traino degli americani?

Gli anni del dopoguerra  furono monopolizzati dalla minaccia sovietica che rappresentava certamente un pericolo reale per le democrazie recuperate col sangue . Proprio nelle prevedibili psicosi che fecero da corollario al periodo post-bellico, nel 1949 nasceva la NATO a cui fece subito da contraltare la

Proteste contro il green pass

Fuor di polemica sui vaccini o meno si ha l’impressione che vi siano strane dinamiche in queste proteste contro il green pass. E non basta l’evidente tentativo di strumentalizzazione da parte del mondo anarco-antagonista e di taluni gruppi della destra extraparlamentare a spiegare la virulenza

Elezioni tedesche: quale colore per la coalizione di governo? 

Dopo 16 anni di dominio incontrastato, l’unione CDU/CSU precipita nelle preferenze dei tedeschi ed i social-democratici di Olaf Scholz – per fortuna non più di Martin Schulz, l’uomo che iniziò la sua fortuna politica quando Berlusconi, nella seduta di presentazione del semestre di presidenza italiano

I risvolti politici della visita di Papa Bergoglio a Budapest

Nella Piazza degli Eroi di Budapest, fra le statue che rappresentano i principali personaggi della Storia del Paese, Papa Francesco ha celebrato domenica scorsa, una messa in occasione del 52mo Congresso eucaristico internazionale. Su indicazione dei servizi diplomatici vaticani, sensibili, probabilmente, alle sollecitazioni provenienti dalle

La sconfitta dalla coalizione più forte del mondo in Afghanistan

Il nostro Occidente, divenuto ormai una mera civilizzazione materialista e consumistica, si ritira vigliaccamente dall’Afghanistan e perde irrimediabilmente ancora una volta la faccia. Ci siamo sempre fidati degli americani, ma dalla guerra di Corea a quella del Vietnam essi hanno preso l’abitudine di abbandonare gli

Auto elettriche: l’Europa in corto circuito

Sembra che la missione più importante dei governanti e dei media più influenti della terra non sia la creazione di occupazione, la ripresa economica dopo la pandemia, la dovuta morale nell’amministrazione della cosa pubblica, ma quella di salvare questo nostro pianeta dai veleni con i

Un supermercato per la procreazione assistita

Si terrà il prossimo settembre a Parigi un salone particolare chiamato “Desiderio di un figlio” e già si prefigura come una specie di supermercato della procreazione. Parteciperanno cliniche specializzate nella cura della fertilità, consulenti e intermediari, commercianti di sperma e d’ovociti che sponsorizzano la possibilità

Dopo gli europei, i mondiali in Qatar

Razzismo e omofobia serviti per antipasto agli Europei; adesso i calciatori avranno da sbizzarrirsi ai mondiali in Qatar. Con la scusa della genuflessione imposta in tutti i match, e con la richiesta della città di Monaco che voleva illuminare il suo stadio con i colori

Europei di calcio: siamo ridiventati patrioti e italiani

Quando nel 1968 l’Italia vinse l’europeo il popolo delle sezioni comuniste, infischiandosene dei diktat dei loro dirigenti, si presentò nelle sezioni del Msi per chiedere delle bandiere italiane per festeggiare la vittoria. I ‘fascisti’ missini erano gli unici infatti ad averle poiché le facevano in

L‘Unione Europea e il pretesto di Orban

Quando nel maggio del 2004 il blocco dei Paesi dell’est completò l’adesione all’Unione europea, nessuno avrebbe potuto mettere in discussione lo sviluppo che avrebbero conosciuto gli antichi satelliti europei dell’Unione sovietica una volta ritrovata la loro indipendenza nazionale e riconquistate le loro libertà pubbliche, e

Miliardi alla Turchia dal vertice Europeo di Bruxelles

In occasione del vertice europeo di Bruxelles, l’Unione europea è sul punto di rinnovare l’accordo migratorio del 2016 con la Turchia. Si parla di grossi finanziamenti, non meno di tre miliardi tra il 2022 ed il 2024 che si aggiungeranno ai 535 milioni già versati

Auto elettriche. L’Europa in corto circuito

Sembra che la missione più importante dei governanti e dei media più influenti della terra non sia la creazione di occupazione, la ripresa economica dopo la pandemia, la dovuta morale nell’amministrazione della cosa pubblica, ma quella di salvare questo nostro pianeta dai veleni con i

L’Ungheria dimostra che la normalità è possibile

Quando si pensa all’Ungheria viene in mente un quadro curioso di vecchi imperi mitteleuropei, di folclore tzigano, di balconi fioriti e di tram che sferragliano nella grisaglia della giornata. Nell’immaginario collettivo europeo nessuno poteva immaginare che, dopo l’elezione di Viktor Orban, l’Ungheria – uno Stato

La nostra libertà oggi e l’inganno della fata Morgana

Oggi, ogni infamia viene argomentata con formule precostituite, con lagne politiche che trasferiscono ad altri le responsabilità che il più delle volte ci appartengono con il coinvolgimento dei nostri stessi sentimenti. Non meravigliamoci perciò più di tanto se le pagine dei giornali ci rimandano quotidianamente

Le lingue regionali o minoritarie

Sicuramente l’avvicinarsi di un evento politico (in questo caso le prossime elezioni regionali in Francia) potrebbe essere utile per ritornare al dibattito sulle lingue regionali o, come ormai prassi del discorso istituzionale europeo, sulle lingue dette minoritarie. Un tematica che tenta di sfuggire ai tentacoli